Un piccolo frigorifero per la reflex!

L’astro fotografo serio si avvale di strumenti avanzati per le sue astro fotografie che, tra le altre cose, prevedono l’utilizzo di camere astronomiche refrigerate. Queste ultime,  permettono di tenere il sensore che acquisisce l’immagine a temperature fino a -20°C. In questo modo si ottiene un beneficio in termini di pulizia dell’immagine, vista la diretta correlazione tra temperatura del sensore e rumore termico.

Questo piccolo progetto vuole essere una soluzione relativamente economica per refrigerare, quanto più è possibile, il sensore della mia amata Nikon D750 modificata per astro fotografia.

Eccolo qui in tutta la sua bellezza!! 🙂

Questo box mi permette di abbassare la temperatura della reflex di ben 10°C  che è un buon risultato, considerando il basso costo del progetto.

La diminuzione di temperatura sfavorisce l’insorgere di rumore termico che si tramuta in  grana sicuramente non gradita sulle nostre foto.

Nelle foto seguenti potete verificare i risultati ottenuti.

Per il test ho effettuato dark (cioè foto con il tappo davanti all’obiettivo)  di 180 secondi a ISO1600 e ISO3200 con il cooler box acceso e spento.

I dark sono stati tutti aumentati poi con Photoshop di 5 stop, per meglio evidenziare le differenze di rumore.

Il costo complessivo del cooler box è stato di poco più di €50, ma c’è da dire che ho reciclato qualcosina già in mio possesso.
Questi sono i pezzi che ho acquistato:
-Kit 2ventole+2dissipatori+cella peltier  https://www.amazon.it/gp/product/B07…?ie=UTF8&psc=1
-Termoregolatore digitale  https://www.amazon.it/gp/product/B07…title_o02_s00?
-Alimentatore output 12VDC 6A  https://www.amazon.it/gp/product/B07…?ie=UTF8&psc=1
Ho poi utilizzato un interruttore ON/OFF già in mio possesso,  lo spinotto di alimentazione femmina già presente nell’alimentatore acquistato, dei pannellini Kapafix (materiale isolante simile al forex) da 5mm e delle strisce di materiale riflettente isolante recuperate da una borsa frigo presa con i punti al supermercato 🙂

Ma veniamo alla realizzazione:

La prima cosa da fare è tagliare e sagomare i pannelli kapafix. Il kapafix è un materiale molto comodo perchè è facile da sagomare, basta un taglierino e una squadretta, e poi ha un lato adesivo che si è rivelato molto utile nel momento di cui ho attaccato il materiale isolante argentato recuperato dalla borsa frigo.

Subito dopo ho inserito il kit di refrigerazione con la cella peltier a mo’ di sandwich nella parete laterale del box. Il termoregolatore, l’interruttore ON/OFF e lo spinotto femmina di alimentazione li ho invece piazzati nel pannello del retro box.

 

La fase successiva ha previsto i collegamenti elettrici ed il test di funzionalità di tutto il sistema di refrigerazione.

Test funzionalità collegamenti elettrici e relè termostato

Dopo aver appurato che funzionava tutto regolarmente, ho chiuso i pannelli con delle barre ad L di rinforzo nei lati ed ho coperto tutto il cooler box con nastro grigio americano telato. Infine ho inserito due piccole calamite ai bordi del coperchio per poter avere una chiusura magnetica.

Visto che gli unici due cavi che dovevano uscire dal box erano il cavo usb della reflex, per comandarla da remoto tramite PC, e l’alimentazione della falsa batteria, ho anche fatto due piccoli solchi in prossimità del coperchio.

Ultima fase: prove di velocità di raffreddamento.
Da quest’ultimo test viene fuori che già dopo 20 minuti di accensione del cooler box la temperatura all’interno scende di circa 10° gradi.

Prove velocità di raffreddamento

Considerazioni finali:

Nel realizzare questo cooler box mi sono molto divertito e già questo mi basta a dire ne è valsa la pena e comunque 10° C meno sulle mie astro fotografie qualcosina son sicuro miglioreranno
Se volete cimentarvi anche voi nella realizzazione di qualcosa di simile e volete qualche informazione in più, scrivetemelo nei commenti. Sarò felicissimo di aiutarvi.

 

Cieli sereni

Massimo


Related Posts

Leave a comment